ESCARTON

Cerca

Vai ai contenuti

CORSI BALLI FOLK, OCCITANE, FRANCESI, INTERNAZIONALI, IRLANDESI, CENTRO E SUD ITALIA.

AGGIORNAMENTO del 08 marzo 2020

L'ASSOCIAZIONE COMUNICA CHE TUTTI I CORSI SONO SOSPESI FINO A QUANDO LA SITUAZIONE SANITARIA DOVUTA AL CORONA VIRUS NON SARA' RISOLTA.
COMUNICHEREMO IN TEMPO REALE EVENTUALI VARIAZIONI.
CONTINUATE A SEGUIRCI


PER INFORMAZIONI
Associazione Culturale Escarton :
Segreteria Tel. 3496621649 / 3466295202
Mail: associazione@escarton.it - www.escarton.it

NEL PROSSIMO ANNO 2021 L'ASSOCIAZIONE COMPIRA' 20 ANNI

DI SEGUITO TROVATE IL PUNTATORE AD UNA SIGNIFICATIVA RACCOLTA DI FOTOGRAFIE RACCOLTE, PUBBLICATA SU FACEBOOK.

MOLTI DI VOI POTRANNO RICONOSCERSI....PROVARE PER CREDERE !!!!


AUGURI A TUTTI IN QUESTO DIFFICILE MOMENTO.



CLICCA QUI PER RAGGIUNGERE LA RASSEGNA FOTOGRAFICA


CORSO DI INTRODUZIONE ALLA CULTURA GNOMONICA

L'Associazione Culturale "Escarton" da anni ha intrapreso il recupero delle "meridiane" dell'intero territorio della Valle Maira in provincia di Cuneo, il progetto avviato nel 2008 con il titolo "Meridiane D'Oc", è ora in fase di completamento e per questo l'associazione propone a tutte le Guide Turistiche, Escursionistiche, Alpine e Accompagnatori Turistici, un corso di preparazione sulla cultura gnomonica.
La gnomonica è l'arte e la scienza dei quadranti solari e delle meridiane che fonda le sue radici in oltre 10.000 anni di storia e che nei secoli ha prodotto vere e proprie opera d'arte, in tutte le sue espressioni, che formano un patrimonio enorme ma spesso misconosciuto.
"Escarton" crede nella diffusione della cultura gnomonica e quindi nella necessità che questo patrimonio sia raccontato nel modo corretto dalle Guide che accompagnano turisti e escursionisti sul territorio delle valli occitane. Essendo la gnomonica diffusa in tutto il mondo, il corso ha valenza universale e per tanto la formazione in questo ambito è tale da poter essere utilizzata dalle guide in ogni occasione di accompagnamento.

Il corso si svolgerà a DRONERO (CN) nelle date di venerdì 20 e 27 marzo e 3 aprile 2020, in orario serale dalle ore 20:30 alle ore 22:30 presso la sede del "Centro Studi Europeo Giovanni Giolitti" in via XXV Aprile n. 25. Il corso si concluderà con una lezione sul territorio prevista per il giorno sabato 18 aprile 2020 (maggiori informazioni durante le lezioni).
Le lezioni sono tenute dall'Arch. Fabio Garnero della Solaria Opere sas, uno dei maggiori esperti gnomonisti nazionali.

Programma:

Venerdì 20 marzo 2020
La gnomonica - Storia I° parte.
La scienza di costruire quadranti solari fonda le radici nella più remota storia dell'uomo. In questa prima lezione si affronterà la storia della misura del tempo, attraverso gli orologi solari, dall'antichità al rinascimento.

Venerdì 27 marzo 2020
La gnomonica - Storia II° parte.
Dall'epoca barocca ai giorni nostri. I grandi gnomonisti e le grandi opere. Le riforme del calendario e dei sistemi orari.

Venerdì 3 aprile 2020
La gnomonica questa sconosciuta.
La terra e gli orologi solari ovvero i fondamenti da apprendere per comprendere la materia.
Meridiane, orologi solari, quadranti solari, gnomone, stilo ecc… - cosa sono, come funzionano, cosa ci dicono a cosa servono.

Sabato 18 aprile 2020
Meridiane D'Oc - giornata di approfondimento e verifica.
Uscita sul territorio per conoscere da vicino le opere recuperate dal progetto "Meridiane D'Oc" e per verificare il livello di acquisizione delle nozioni da parte dei partecipanti al corso.
Gli spostamenti sul territorio saranno con auto propria. Maggiori informazioni durante le lezioni.

E' obbligatoria la preiscrizione da comunicare via email ad associazione@escarton.it entro mercoledì 18 marzo 2020.

Il corso si attiverà con un numero minimo di partecipanti.

Il contributo di partecipazione è di 90 Euro comprensivo della quota di iscrizione all'Associazione Culturale "Escarton".

Per info: Associazione Culturale Escarton - P.zza Marconi, 1 - Macra (CN)
Tel. 3466295202 oppure 3496621649 associazione@escarton.it

AIUTACI A SOSTENERE UNA SPEDIZIONE SCIENTIFICA ALLA GARDETTA PER LO STUDIO DELLE IMPRONTE DI RETTILI TRIASSICI IN VAL MAIRA
(Aggiornamento del 12/01/2020)



Dopo la scoperta delle impronte di rettili triassici avvenuta nel 2008 dal prof. Michele Piazza dell'Università di Genova insieme al geologo Enrico Collo di Dronero, studiate nel 2009 dal prof. Heinz Furrer del Museo Paleontologico di Zurigo, nel 2017-2018 è stata scoperta una nuova pista lasciata da un nuovo rettile, in una campagna di studi con il prof. Edoardo Martinetto dell'Università di Torino e con il paleontologo Fabio Petti della Società Geologica Italiana e collaboratore del Muse di Trento; per le nuove ricerche del 2018 si è coinvolta anche la Soprintendenza dei Beni Archeologici del Piemonte (che già effettuò un primo sopralluogo nel 2015).
Le campagne di studi degli ultimi due anni sono state sostenute dall'Associazione Escarton, sia con risorse proprie e sia soprattutto con la raccolta fondi lanciata sempre in collaborazione con NaturaOccitana (trovate i nomi di tutti i donatori sui due siti di riferimento, un modo per ringraziarli pubblicamente del sostegno dimostrato).
Le impronte ritrovate alla Gardetta (Valle Maira, Comune di Canosio) appartengono alla classe di rettili chiamati arcosauri, i progenitori dei dinosauri che abitarono il pianeta Terra 240 milioni di anni fa.
I primi risultati ottenuti dalla ricerca svolta nell'ottobre 2017, sono stati presentati da Fabio Petti il 6-8 giugno 2018 al Convegno Nazionale di Paleontologia tenutosi al Muse di Trento, in cui si è evidenziato come "le impronte della Gardetta rappresentano evidenze ben documentate della presenza di tetrapodi terrestri nel Brianzonese Alpino e che ulteriori analisi saranno necessarie per definire con maggiore precisione l'età dell'affioramento e per comprendere i modelli di evoluzione e migrazione geografiche di questo gruppo di rettili del Triassico".
Si tratta di un ritrovamento che ha pochi raffronti a livello continentale (tracce di quel periodo si trovano solo in altri 5 posti in Europa) e, pertanto, merita un'attenzione particolare oltre alla necessità di proseguire ed intensificare le ricerche, visto l'alto rischio di distruzione dovuto all'erosione accelerata a cui la parete è sottoposta.
L'Associazione Culturale Escarton (attiva da diciotto anni con la realizzazione di interventi di tutela e valorizzazione del patrimonio storico culturale della Valle Maira, attraverso restauri conservativi di affreschi, opere su tela, meridiane e arredi lignei), si propone di avviare una nuova campagna di ricerca, studi e valorizzazione, avvalendosi della collaborazione del geologo dott. Enrico Collo, che da anni si prodiga nella divulgazione e valorizzazione dell'Altopiano della Gardetta, località riconosciuta Patrimonio Geologico Italiano grazie ai suoi studi e all'interessamento del prof. Michele Piazza di Genova.
Siamo qui a sensibilizzare attraverso una "raccolta fondi per rendere economicamente sostenibile una nuova campagna di ricerca da tenersi nel mese di settembre 2019, insieme ad eventi culturali e scientifici aperti al pubblico; come sempre ci avvarremo della collaborazione di maestranze universitarie, con il coinvolgimento della Soprintendenza.
La campagna di ricerca dell'estate 2019 ha obiettivi ambiziosi, e i costi che andremo a sostenere in questa fase saranno:
- Trasferte e pernottamenti dei ricercatori.
- Rilevamento geologico dell'area e ricerca di nuovi siti di interesse.
- Allestimento cantiere di lavoro coordinato da Università e Soprintendenza.
- Riproduzione di materiale scientifico.
- Eventi divulgativi sulla valorizzazione geoturistica.
________________________________________
I costi preventivati per il 2019 sono di diverse migliaia di euro: oltre alle donazioni spontanee, per il momento decisive nel sostenere i lavori svolti e le fondamentali scoperte nel 2017-2018, siamo alla ricerca di sponsor o enti che possano essere interessati a sostenere il progetto.
________________________________________
Per chi volesse aiutarci attraverso un liberale contributo può effettuare un bonifico intestandolo a:
ASSOCIAZIONE CULTURALE ESCARTON
iban IT13L0311101008000000064003
indicando nella causale
"RICERCA RETTILI TRIASSICI GARDETTA"
Pregandovi di inviare i vostri dati riportando nome, cognome ed indirizzo completo con un sms, mail o lettera, per poter effettuare l'invio della ricevuta.
________________________________________
CONTRIBUTI EROGATI AL 30/10/2018:
€ 1.320,00
SI RINGRAZIA PER L'AIUTO ACCORDATOCI:
Etta Conte Andreina - Dronero.
Albergo Le Marmotte - Valle Maira - Acceglio.
Antonella Chiapello - Castiglione della Pescaia.
Stefano Macchetta - Guida Ambientale Escursionistica - Cervasca.
Rifugio Gardetta RG - Canosio
Attilio Dalmasso - Bernezzo
Jacopo Pelullo - Torino
Monica Dassano - Cambiano
Marlisa Cravero - Bra
Michele Perna - Moncalieri
Giovanni Barroso -
Massimo Pennino - Cairo Montenotte
Associazione Escarton - Macra

RENDICONTO ECONOMICO SPEDIZIONE SCIENTIFICA 2018 ALLA GARDETTA.
Da 4 al 6 ottobre 2018 grazie al vostro aiuto ci è stato possibile organizzare una seconda spedizione scientifica invitando nuovamente i ricercatori alla Gardetta.
Tale spedizione si è concentrata su nuove prospezioni ottenendo dei risultati entusiasmanti, difatti sono stati portati alla luce nuove impronte di rettili Triassici che attualmente sono oggetto di studio e, a breve, i risultati saranno presentati tramite una pubblicazione scientifica. I costi sostenuti sono così riassunti:
€. 1.320,00 Contributi liberali ricevuti al 30/10/2018
€. 531,74 Rimborsi viaggi e accoglienza ricercatori.
€. 788,26 Avanzo gestione 2018

GRAZIE PER AVER RESO TUTTO CIO' POSSIBILE!
_________________________________________________________
SPEDIZIONE SCIENTIFICA 2019 ALLA GARDETTA
Abbiamo bisogno del Tuo aiuto per realizzare un altro sogno.
Ecco cosa vogliamo fare:
analisi di sezioni sottili di roccia delle superfici e dei riempimenti delle impronte; calchi, rilievi fotogrammetrici della superficie e riproduzioni 3D delle impronte scoperte; consolidamento parete della superficie a impronte; avvio iniziative di divulgazione e realizzazione pannelli descrittivi degli affioramenti.
Nuova campagna di studi Summer Camp School alla Gardetta nell'estate 2019!
Perché insistiamo a portare ricercatori e studenti alla Gardetta? Perché le scoperte del 2017/2018 si sono rivelate sorprendenti, pertanto si vogliono continuare le prospezioni per trovare nuove impronte di rettili Triassici.
Ce la faremo a trovare i fondi necessari? Non lo sappiamo ancora, ma ci proveremo con tutte le nostre forze, confidando anche nel vostro aiuto.
Grazie da tutto il gruppo di lavoro!
AVANZO GESTIONE 2018 E CONTRIBUTI EROGATI AL 31/12/2019:
€ 2.268,26
SI RINGRAZIA PER L'AIUTO ACCORDATOCI:
Attilio Dalmasso - Bernezzo.
Enzo Resta - Accompagnatore naturalistico- Dronero.
Michelis Ezio -
Simona Albanesi -
Enrico Collo - Accompagnatore naturalistico- Dronero.
Chiappello Antonella - Castiglione della Pescaia.
Anonimo - Dronero.
Camera di Commercio di Cuneo.

RENDICONTO ECONOMICO SPEDIZIONE SCIENTIFICA 2019 ALLA GARDETTA.
Come ogni anno anche questa settimana, dal 9 all' 11 settembre, la campagna di ricerca scientifica alla Gardetta sulle impronte di rettili triassici ha dato ottimi risultati!
GRAZIE IN PRIMO LUOGO agli amici che da sempre ci aiutano a sostenere le spese col crowfounding (quest'anno è stato allestito un vero cantiere di lavoro, con tutto ciò che comporta), all'Università di Torino che ha condotto la spedizione con i professori Massimo Delfino ed Edoardo Martinetto insieme ai loro studenti e due dottorandi, al paleontologo della Società Geologica Italiana e del Muse di Trento Fabio Petti che ha portato un gruppo di ricercatori che lavorano ai principali siti di dinosauri italiani (Rovereto, Altamura), al sindaco di Canosio Dott. Domenico Vallero che ha organizzato una serie di incontri coi professori per meglio capire l'importanza dei ritrovamenti, al proprietario che ci ha autorizzato ad accedere ai terreni e ha condiviso con interesse alcuni momenti dei lavori, alla Soprintendenza per il coordinamento delle ricerche, al Rifugio Gardetta per il supporto logistico, al geologo e accompagnatore naturalistico Enrico Collo per la dedizione nel sostenere la ricerca e valorizzazione delle peculiarità che il territorio offre,
La meraviglia delle scoperte continua, grazie a voi tutti.
I costi sostenuti sono così riassunti:
€ 2.268,26 Contributi liberali ricevuti al 31/12/2019
€.1.552,73 Rimborsi viaggi, accoglienza ricercatori e materiali.
€. 715,53 Avanzo gestione 2019

GRAZIE PER AVER RESO POSSIBILE TUTTO CIO'!

Associazione Culturale Escarton
Piazza Marconi 1
12020 Macra (CN)
associazione@escarton.it
tel. 3466295202 / 3496621649

VAL MAIRA - GARDETTA
IMPRONTE DAL PASSATO 2019


Come ogni anno anche questa settimana, dal 9 all' 11 settembre, la campagna di ricerca scientifica alla Gardetta sulle impronte di rettili triassici ha dato ottimi risultati!
GRAZIE IN PRIMO LUOGO a tutti gli associati dell'Associazione Escarton nel sostenere le molteplici iniziative proposte e a Giovanni Raggi per l'impegno profuso nel coordinare e gestire le attività associative, agli amici che da sempre ci aiutano a sostenere le spese col crowfounding (quest'anno è stato allestito un vero cantiere di lavoro, con tutto ciò che comporta), all'Università di Torino che ha condotto la spedizione con i professori Massimo Delfino ed Edoardo Martinetto insieme ai loro studenti e due dottorandi, al paleontologo della Società Geologica Italiana e del Muse di Trento Fabio Petti che ha portato un gruppo di ricercatori che lavorano ai principali siti di dinosauri italiani (Rovereto, Altamura), al sindaco di Canosio Dott. Domenico Vallero che ha organizzato una serie di incontri coi professori per meglio capire l'importanza dei ritrovamenti, al proprietario che ci ha autorizzato ad accedere ai terreni e ha condiviso con interesse alcuni momenti dei lavori, alla Soprintendenza per il coordinamento delle ricerche, al Rifugio Gardetta per il supporto logistico, al geologo e accompagnatore naturalistico Enrico Collo per la dedizione nel sostenere la ricerca e valorizzazione delle peculiarità che il territorio offre,
La meraviglia delle scoperte continua, grazie a voi tutti.
Associazione Culturale Escarton.

STORICA FONTANA DEL "CORN" A SAN DAMIANO MACRA (CUNEO) VALLE MAIRA :
LE RESTAURIAMO INSIEME ?

Buongiorno carissimi,
La prossima iniziativa che vorremmo condividere con voi è il restauro conservativo della Fontana del "Corn" a San Damiano Macra.
Un antico luogo, all'angolo tra via Roma (ex via Maestra, o Piassa) e via Aldo Beltricco (ex via della Confraternita, la Crouzà), ma anche all'incrocio con via Casana e via Vallata, quello dove si trova la fontana in pietra del 1507, detta Fontana del Corn. Si può ipotizzare infatti che per alcuni secoli sia stata la prima ed unica fontana di acqua potabile in San Damiano. È composta da una vasca ed un pilastro ottagonale su cui sono scolpiti lo stemma comunale, gigli di Francia e due figure, probabilmente teste di leone in rilievo. Il manufatto è attribuibile alla scuola dei Fratelli Stefano, Costanzo e Maurizio Zabreri, i maestri scalpellini di Pagliero vissuti ed attivi nella seconda metà del 1400. Nell'estate del 2011 la fontana è stata danneggiata da ignoti vandali che hanno asportato la copertura della colonna, e l'intero manufatto mostra diverse spaccature e numerose riprese cementizie improprie.
L'impegno economico per il restauro conservativo è quantificato in € 2.860,00 duemilaottocentosessanta/00.

Per chi volesse aiutarci a sostenere i costi del restauro con l'erogazione di un contributo liberale, può farlo tramite bonifico bancario intestato a:

ASSOCIAZIONE CULTURALE ESCARTON
iban IT13L0311101008000000064003
indicando nella causale
"RESTAURO FONTANA DEL CORN"
Pregandovi di comunicarci i vostri dati riportando nome, cognome ed indirizzo per poter effettuare l'invio della ricevuta.
Grazie!


PER INFORMAZIONI
Associazione Culturale Escarton
Piazza Marconi 1
12020 Macra (CN)
associazione@escarton.it
tel. 3466295202


PROGETTO ARTISTI IN CAMMINO A STROPPO
anno 2020


STORICHE CROCI DI STROPPO : LE RESTAURIAMO INSIEME ?

FATTO !!! GRAZIE PER L'AIUTO ACCORDATOCI !

Circa due anni fa don Ugo ci segnalava le croci in pietra situate al centro del Camposanto di Stroppo, e nei pressi della chiesa di San Peyre (quest'ultima croce datata 1461!), per un intervento di restauro conservativo.
Ora, estate 2020, grazie al vostro aiuto e alla vostra generosità, ci è stato possibile effettuare il restauro dei manufatti, oltre che provvedere alla sistemazione di tre lapidi commemorative situate nel comune di Stroppo (precisamente al bivio di Elva; in centro paese a Bassura; sulla strada di valle al confine con il comune di Macra). Si tratta del ricordo di tre vittime civili - una elvese e due stroppesi - trucidate durante la seconda guerra mondiale, nel 1944 e nel 1945.
Tutto ciò è stato possibile.....
- grazie all'aiuto di Antonio, Adriano e Mario di Stroppo e Franco di Elva, che hanno reso accessibile la zona interessata intorno alla croce;
- grazie ai Fratelli Rovera di Stroppo, che hanno installato i ponteggi
- grazie a un contributo ricevuto dall'Amministrazione comunale di Stroppo;
- grazie alle offerte ricevute da privati di valle, o affezionati a essa;
Timo Kleinerüschkamp (Hamburg)
Sorelle Cucchietti (Stroppo)
Centenero Maria Maddalena (Cervere)
Giordano Luisella
Cavallo Maurizio
Bertola Marinella
Gyorgy Monica;
Famiglia Raina Sergio (Stroppo)
Ulteriori contributi liberali erogati da privati in Stroppo e ricevuti da Antonio Leinardi.

Un sentito ringraziamento per aver reso possibile tutto ciò.

RENDICONTO ECONOMICO
Liberalità ricevute € 1.825,00
Costi del restauro conservativo €. 1.848,00

Il prossimo progetto di restauro riguarderà la fontana del corn a San Damiano Macra. Un … corn? Macché leggete autovalmairo n. 2 https://ita.calameo.com/read/005297155c7660c0e1f53 vi spiega (a firma Secondo Garnero, pp 85-86) cosa significa questo termine e l'importanza che tale fonte ha sempre avuto.
Ancora Grazie! A nome di Escarton e di tutti coloro che hanno a cuore la Valle Maira e i suoi tesori!

ALBUM FOTOGRAFICO https://www.facebook.com/pg/escarton.associazioneculturale/photos/?tab=album&album_id=2951439968266660&__xts__%5B0%5D=68.ARA8_e15RwF1HyfGZ2PDpNHQFTIRFSL7a8IigIKcrdGhs8BgooC7U-25a2C6qIIORAX69vHtVuqT0FKvi6xLhbuorivzJYLZX8Ru8isrA-uPhQK47iDfgdEyO8Z9y54hDlweTQ8AmM-LHv83IlkHtiyY3uhW-IHJJfgshOzJf-t9ehcmWtgxeL0ep-6jeY7JrlqD-MhvpXazCvNA6oeW8bE21mwNmWPNony47jRW6aAJv7R1yIfTDiq5NUPhCfHL-xzqrb0w4Qxxnw1Jhe0wYslLxRu_Xi9GmKA0whi2ZFfenrjJ_boZFRnhvQNmP3L9pICrC3cTOekxLtck1w1cPeCN4bN0QBScxc_011izcQZXBv3N8IhxRK4RGYCDtbb8OS5BhLDb_kQO-qkYF2DoYwBvkfM8WgCC8eRqyg__c1T9YahVqqAH-pXfUe3O01Qv3KaUv5qAUxaClsY&__tn__=-UC-R






PROGETTO ARTISTI IN CAMMINO
SAN DAMIANO MACRA
AGOSTO 2018 - AUTUNNO 2018


Nell'ambito del progetto Artisti in Cammino a San Damiano Macra, Vallone di Pagliero - Valle Maira.
Agosto 2018 - Autunno 2018
Avvalendoci della collaborazione dell'Amministrazione Comunale e dei residenti, è stato avviato e portato a termine il restauro conservativo di due croci rogazionali in pietra.

VALORIZZAZIONE GEOLOGICA DELL'ALTOPIANO DELLA GARDETTA, IMPORTANTE INCONTRO DI PALEONTOLOGI IN VALLE MAIRA SULLE IMPRONTE DI ARCOSAURI.


Martedì 3 ottobre 2017: una data che rimarrà nella storia dell'Altopiano della Gardetta. Quest'estate promettevo a tutti i partecipanti delle mie escursioni a caccia dei dinosauri che stavamo organizzando un importante incontro scientifico, grazie al coordinamento del prof. Edoardo Martinetto dell'Università di Torino, paleontologo, il quale già partecipò in una domenica di luglio e che dallo scorso inverno ha raggruppato un gruppo di ricerca di altissimo livello.
Ieri questo sogno si è concretizzato, con il ritorno di Heinz Furrer del Museo Paleontologico di Zurigo, che già venne in visita nel 2009 per identificare le impronte di arcosauri triassici scoperte l'anno precedente dal prof. Michele Piazza dell'Università di Genova, in mia fortunata compagnia; Fabio Petti dell'Università di Roma, esperto degli affioramenti italiani di impronte di dinosauri e paleontologo del bellissimo MUSE di Trento, museo di scienze naturali dedicato alla geologia e ai dinosauri delle Dolomiti; Massimo Delfino, professore di paleontologia e biologia del dipartimento di Scienze della Terra di Torino.
Un ringraziamento personale va all'amico Attilio Dalmasso del Museo dei Fossili di San Rocco di Bernezzo, che mi ha dato i suggerimenti, la spinta e l'entusiasmo per intraprendere questa lunga strada che ha poi portato a questo incontro.
A Giovanni Raggi, presidente dell'associazione culturale Escarton, che oltre a salvaguardare affreschi e meridiane medievali in Valle Maira, ha preso a cuore la storia delle impronte fossili della Gardetta e come al solito si è preso carico di ogni spesa per poterci permettere un'ottima accoglienza in valle.
A Jennie e Beppe della locanda Mascha Parpaja per la calorosa ospitalità e ad Alfio e Ines del Camping Lou Dahu che hanno permesso la riunione operativa dopo la visita del Museo Geologico della Gardetta, nonostante fossero già chiusi.
Grazie di cuore anche a voi che leggete, poichè so che per molti questa era la speranza per un ulteriore passo importante della valorizzazione di un'area meravigliosa che è l'Altopiano della Gardetta.
Grazie all'amicizia di tutti, che permette a volte di realizzare dei sogni che a prima vista sembravano impossibili: sono emozionato e felice, ma questo credo si era già intuito.
Enrico Collo



NEL 2017 SI E' TENUTO IL
CORSO DI ASTRONOMIA



VIAGGIO ALLA SCOPERTA DEL CIELO

Ti piacerebbe conoscere i segreti delle stelle? Hai mai provato a metterti al centro dell'Universo e vedere come tutto si muove intorno a noi? Vuoi prendere consapevolezza del nostro pianeta e della sua posizione nel sistema solare la prossima volta che ti troverai a guardare il cielo di notte ?
Il geologo Enrico Collo, appassionato di astronomia e mitologia celeste, offre ai partecipanti una serie di lezioni multimediali ricche di consigli pratici, fotografie e filmati notturni, il racconto dal vivo di cosa avviene nel cielo stellato, giochi di astronomia di gruppo per comprendere le meccaniche dei corpi celesti, il racconto mitologico del cielo autunnale e del calendario con le sue feste astronomiche.
Il corso è rivolto a tutti coloro che vogliono provare l'emozione di tornare a guardare le stelle, consapevoli di riscoprire con esso il mistero che da sempre accompagna la storia e l'evoluzione dell'uomo.

Informazioni: www.naturaoccitana.it
Iscrizioni: Enrico Collo 349.7328556 - info@naturaoccitana.it

Programma dei temi trattati nel corso
- La consapevolezza del cielo: i movimenti di Sole, Luna e pianeti fra le stelle nei mesi del corso.
G- iochi di geografia astronomica: portiamo il cielo in aula e muoviamoci con lui!
- Come in cielo così in terra: il rapporto antico fra l'uomo e il cielo, la nascita del calendario.
- Miti e leggende dei pianeti: la personificazione degli dei celesti.
- Le costellazioni del cielo autunnale: la mitologia racconta la morte ciclica della natura.
- Una favola per ogni stagione: guida al riconoscimento delle costellazioni e degli eroi del cielo.
- La rinascita del Sole: preparazione astronomica alle feste e ai riti del Natale.
- Gli appuntamenti astronomici e le ultime notizie dallo spazio.


RESTAURO DEL "PILONE DEGLI ALPINISTI "
ACCEGLIO - VALLONE DI UNERZIO PRATO CIORLIERO


Sono trascorsi poco più di tre mesi da quando Don Beppe Dalmasso ci segnalava il grave stato di conservazione in cui versa il pilone dedicato agli Alpinisti.

Il tempo a disposizione per avviare un restauro a 2000 metri sul livello del mare è limitato al solo periodo estivo; la segnalazione, giunta, a fine maggio, ci imponeva di chiudere entro l'autunno un intervento di restauro conservativo.
Un tempo così ristretto ci lasciava perplessi sulla fattibilità stessa dell'opera.

Ci siamo ugualmente attivati per contattare alcune ditte; grazie all'amministrazione comunale, abbiamo proceduto ad inoltrare le necessarie autorizzazioni in
Soprintendenza; ci siamo inventati come reperire i fondi ed abbiamo scoperto che la provvidenza esiste.

Grazie ad una burocrazia efficiente ed agli appassionati della montagna, che con i loro contributi hanno sostenuto e reso possibile l'opera, si è provveduto effettuare i seguenti interventi:

• tramite delle chiavi metalliche, si è provveduto legare il pilone che mostrava crepe preoccupanti
• si è ricostruita la parte deteriorata
• si è intonacato
• si è sistemato provvisoriamente il tetto, in attesa che la ditta incaricata sia disponibile e provveda alla completa sostituzione della copertura in lose
• si è consolidata la parte pittorica ed intervenuti sull' affresco, mettendo il pilone in condizione di affrontare il prossimo inverno in sicurezza.

Tutto ciò è stato possibile grazie al contributo di:

€.100,00 Don Beppe Dalmasso;
€.100,00 Associazione Culturale Escarton;
€. 25,00 Signora Giovanna di Brescia;
€. 50,00 Bruno Rosano - Dronero;
€. 10,00 Dario Gallo - Torino;
€.100,00 Lucia ed Antonello di Cuneo;
€.150,00 V.G. - Saluzzo;
€. 20,00 Giorgio Sofi - Torino;
€. 10,00 Stefania Petti - Torino;
€.100,00 Piergiuseppe Zagnoni - Dronero;
€. 50,00 Monica Gyorgy - Caramagna P.te;
€.300,00 Amici della Montagna - Dronero;
€. 60,00 Davide Pegoraro - Cavallermaggiore;
€.100,00 Valerio Gajno - Genova;
€.100,00 Scuola Escursionismo Cai "Monviso";
€. 50,00 Daniele Cavedal - Cuneo;
€.100,00 Maurizio Cavallo - Borgo San Dalmazzo;
€.100,00 Club Alpino Italiano Sottosezione di Dronero;
€. 50,00 Maria Rosa Garneri - Prazzo;
€. 50,00 Luciana Audisio - Fossano ;
€.100,00 Gabriella e Giampiero Cherasco - Dronero;
€. 50,00 Roberto Mattiauda - Caraglio;
€. 20,00 Cristian Impastato - San Damiano Macra;
€. 50,00 Hotel Londra - Acceglio;
€. 50,00 Edilio e Rosanna Gaggina - Pratorotondo di Acceglio;
€. 10,00 Annina e Francesco Gaggina - Pratorotondo di Acceglio;
€.100,00 Silvana Unia e Alessia Cesano - Cuneo;
€. 30,00 Simonetta Baudino - Elva;
€. 50,00 Ornella Maero e Daniele Elidio - Cuneo;
€. 20,00 Silvana Olivero - Acceglio;
€. 50,00 Angelo Calandra - Acceglio;
€.100,00 Aldo Rinaudo - Piasco;
€. 20,00 R.V. - Acceglio;
€. 200,00 Casale Pierina - Cuneo;
€ 150,00 Don Beppe Dalmasso - Offerte partecipanti concerto di Chialvetta:
€ 50,00 Luisella Giordano - Cuneo.

E ad una persona che definirei provvidenziale per la riuscita dell'intervento e per l'impegno profuso in modo discreto: Giuseppe Gherasco. "Bepi"

I contributi ricevuti a sostegno dell'iniziativa ammontano a €. 2.675,00
Grazie!!!!
-----------------------------------------------------------------
USCITE:
Francesca Ghirardi Restauri "restauro pilone votivo €.1.705,00
Appena possibile provvederemo ad aggiornare la parte economica.
-----------------------------------------------------------------

PUNTATORE ALLA PAGINA SPECIFICA

LA POSIZIONE

Corsi formativi di indirizzo artistico per gli allievi della Scuola Elementare di San Damiano Macra.

E' stata avviata una collaborazione culturale tra L'Associazione Culturale Escarton e la Scuola Elementare di San Damiano Macra, per la realizzazione gratuita di due corsi di tre giorni l'uno durante i quali alcuni dei nostri associati propongono la tecnica della lavorazione del modellato con l'argilla, laboratorio ultimato lo scorso mese che ha visto la collaborazione del prof. Lerda Giovanni, già insegnante di materie artistiche presso il Liceo Artistico di Cuneo, coadiuvato da Alice Tonello, Annalisa Gavioli e Magalì Colombo, (studentesse al V anno di frequenza del medesimo istituto).
Un sentito grazie a Voi tutti per le energie profuse nell'offrire questo arricchimento formativo agli allievi, al corpo insegnante per la collaborazione e agli allievi per l'entusiasmo e l'attenzione.
Il prossimo mese sarà attivato il corso sull'apprendimento della tecnica usata dai Madonnari.
Il commento di un bambino: " è stato il più bel giorno della mia vita ! "


ARTISTI IN CAMMINO IN VAL MAIRA

Dal 2008 l'Associazione Culturale "Escarton" idea e avvia il progetto "Meridiane d'Oc, finalizzato al restauro e al ripristino funzionale dei quadranti solari presenti sul territorio, e alla creazione di un circuito tematico turistico che permetta di far riscoprire al pubblico le chiese e i loro tesori e nello stesso tempo di far assaporare le bellezze naturali, storiche e artistiche della Valle Maira. Questo progetto vuole unire sul territorio ogni elemento culturale, ogni forma di arte, dalle opere pittoriche degli artisti itineranti, manifestazione della devozione popolare, all'architettura religiosa, alle case di montagna dalle severe facciate in pietra, tutto sotto la "guida" della nostra stella… il Sole.
Le meridiane, gli orologi solari e tutto ciò che è parte dell'arte e della scienza gnomonica si legano strettamente alla vita dell'uomo attraverso secoli, per non dire millenni, di storia e quindi al territorio in cui vive.
Il recupero dei due complessi gnomonici presenti sulle chiese di Borgata Pagliero e Borgata Paglieres nel Comune di San Damiano Macra ha creato le basi per l'avvio di " ARTISTI IN CAMMINO", un progetto a più ampio respiro che affianca e integra "MERIDIANE D'OC" per la valorizzazione del territorio che ospita i complessi gnomonici.
Vogliamo portare alla Vostra attenzione la ricchezza di storia che questo territorio offre e delle opere pittoriche murali presenti su case rurali.
Nel solo comune di San Damiano Macra sono censiti ben 29 affreschi del pittore itinerante Giors Boneto da Paesana operante in Val Maira tra la fine del 700 e i primi anni dell'800 che affiancano altre testimonianze della devozione popolare, oltre le sculture in pietra dei mastri scalpellini Zabreri operanti nel 500.
Proponiamo una serie di azioni concrete che L'Associazione Culturale Escarton vuole attuare in collaborazione con l'Amministrazione Comunale, Associazioni, Enti e Privati, miranti al restauro di affreschi e alla fruizione turistica.

Gli interventi che abbiamo individuato per raggiungere tali obbiettivi si articolano:
- Verifica dello stato di conservazione delle opere pittoriche e produzione di preventivi per analizzare l'esposizione economica di un intervento di restauro conservativo.
- Avvio di contatti informativi e di sensibilizzazione dei proprietari delle case rurali che ospitano le opere pittoriche, sull'importanza di tutelarle con interventi conservativi.
- Costituzione di un fondo per il cofinanziamento che incentivi gli interventi di restauro da parte dei privati attraverso un sostegno economico.
- Disponibilità da parte dell'Associazione Culturale Escarton di curare gli aspetti burocratici autorizzativi per gli interventi di restauro.
- Valorizzazione dei restauri.

Questi sono i punti che abbiamo individuato per creare le basi per l'avvio di un' opera virtuosa di collaborazione tra realtà private, pubbliche e associazionistiche che abbiano a cuore la concreta tutela del bene tramite azioni dirette.

Qui di seguito alcune testimonianze della devozione popolare.

Ulteriori testimonianze sono visibili su:
https://www.facebook.com/escarton.associazioneculturale/photos/?tab=album&album_id=1037122499698426



NOVITA' ATTIVITA' RESTAURI IN VAL MAIRA
AGGIORNATA AL 07 NOVEMBRE 2016


Nelle prime settimane dello scorso dicembre, una antica opera pittorica su tela è stata ritirata dalla cappella che la ospitava in Valle Maira ed ha preso la via del laboratorio di restauro.
Grazie ad un contributo da parte delle Fondazione CRT ed al sostegno accordato dell'Associazione Culturale Escarton, è stato possibile affrontare l'impegno economico necessario.
Nella mattina del 04 novembre 2016 la tela è stata riconsegnata alla comunità di appartenenza.

VEDERE LA PAGINA DEDICATA


Il pensiero torna alla tela della cappella della frazione Tolosano di Marmora, ora visibile a Palazzo dei Vescovi a Saluzzo: adottata in occasione del decennale di fondazione di Escarton, ci riservò una sorpresa inaspettata.
Un ringraziamento particolare va a quanti condividono le attività associative proposte e ci aiutano a sostenere la realizzazione di questo nuovo restauro.
Alcune note sul dipinto:
"La pala raffigura la Madonna col Bambino adorata da San Martino, San Bernardo da Mentone, San Giacomo ed un quarto Santo di difficile identificazione, stante l'avanzato stato di degrado in cui versa l'opera. Il dipinto ad olio su tela di formato rettangolare è inserito in una cornice intagliata e dipinta, culminante in un elemento a timpano, di matrice arcaicizzante; al centro del timpano dovette comparire in antico un elemento ad intaglio, con buona probabilità aggettante, andato perduto. La Visita pastorale del 1703 di mons. Morozzo Vescovo di Saluzzo già attesta la presenza del dipinto, mentre non si trovano documenti che lo descrivano prima di questa data. Gli elementi di stile ci spingono ad assegnarla al maestro che realizzò la pala della Madonna del Rosario conservata nella parrocchiale di Celle Macra, per l'omonimo altare rinnovato a partire dal 1646, ma il cui completamento, a livello di apparato decorativo, va posto tra il 1669 ed il 1673, estremi cronologici della Visita Piscina che lo definisce in un primo tempo non sufficientemente ornato ed in seguito di nulla mancante. La cultura figurativa che si manifesta sul dipinto della cappella è per un verso quella saviglianese, tale da rimandare all'attività di Jean Claret per Celle, nella Confraternita dei Battuti Bianchi, e del più raro Alessandro Claret nella cappella della frazione Tolosano di Marmora, ma non sono da escludere gli echi della pittura dell'estremo ponente ligure. Tali riferimenti rivieraschi contribuiscono a liberare dall'isolamento la bella pala della parrocchiale di San Damiano Macra avvicinata ai modi dei Guidobono."
Ammesso e non concesso .....

VEDERE LA PAGINA DEDICATA



MERIDIANE D'OC 2016
CONSIGLIAMO DI VISITARE LE PAGINE DEDICATE AI VARI QUADRANTI SOLARI RESTAURATI

Dal 2008 l'Associazione Culturale "Escarton" idea e avvia il progetto "Meridiane d'Oc", finalizzato al restauro e al ripristino funzionale dei quadranti solari presenti sul territorio.
Questo progetto vuole unire sul territorio ogni elemento culturale, ogni forma di arte, dalle opere pittoriche del Boneto, manifestazione della devozione popolare, all'architettura religiosa, alle case di montagna dalle severe facciate in pietra, tutto sotto la "guida" della nostra stella… il Sole.
Le meridiane, gli orologi solari e tutto ciò che è parte dell'arte e della scienza gnomonica si legano strettamente alla storia dell'uomo attraverso secoli, per non dire millenni, di storia e quindi strettamente al territorio in cui vive.
In passato non c'era chiesa, borgo di montagna, città, cascina della piana che non avesse un quadrante solare unico strumento tecnico-scientifico, più o meno abbellito da orpelli artistici, che potesse regolare la vita della gente. Non c'era struttura architettonica, specie antica, che non tenesse conto delle influenze che il sole poteva avere sulla vita di un luogo, così come non c'era struttura religiosa antica che non fosse orientata astronomicamente.
Tutto girava col sole, anche la regolazione degli antichi orologi meccanici, di cui oggi stiamo perdendo sempre più memoria, non c'era orologio che battesse il mezzogiorno senza una meridiana per verificarne l'esattezza.
Solo nel 1925 l'ora fu diffusa sul territorio attraverso l'etere, decretando ufficialmente la fine delle meridiane.
Da tutto ciò nasce lo spirito di questo progetto, ovvero quello di sfruttare la gnomonica per unire con un unico filo conduttore la laboriosità delle nostre genti, la devozione popolare, la scienza del cielo. Recuperiamo "il tempo silenzioso" per parlare del nostro territorio.
Il recupero sin da ora effettuato dei quadranti solari, fruibili turisticamente, ammonta a sedici meridiane antiche, per un totale di otto complessi gnomonici, forniti di bacheca e pannello descrittivo per la comprensione delle funzioni gnomoniche.
o Ex convento dei Cappuccini a Dronero;
o Chiesa Parrocchiale di San Lorenzo in Cartignano;
o Campanile romanico della chiesa di Sant'Antonio e
sull'antica scuola in Borgata Chiesa di Pagliero a San
Damiano Macra;
o Chiesa di Borg. Paglieres a San Damiano Macra;
o Chiesa di Maria Vergine Assunta in Borg. Albaretto di
Macra;
o Chiesa di San Massimo di Marmora;
o Casa canonica chiesa parrocchiale di Canosio;
o Chiesa di San Michele Arcangelo a San Michele Prazzo;
ed in ultimo
o Casa canonica della Chiesa Parrocchiale di Maria Vergine Assunta di Busca.

Tale attività ci ha permesso di far riscoprire al pubblico le chiese ed i loro tesori e nello stesso tempo di far assaporare le bellezze naturali, storiche e artistiche della Valle Maira.


CONTRIBUTI EROGATI A SOSTEGNO DEL RESTAURO DI BUSCA
Aggiornamento al 26/02/2016
€ 1.000,00 Fondazione Cassa di Risparmio di Torino
€ 300,00 Granda Zuccheri SpA
€. 500,00 Associazione Culturale Escarton con il sostegno del gruppo folk Duo Sousbois e dei partecipanti al concerto di Torino.
€. 500,00 Associazione Culturale Escarton con il contributo dei partecipanti ai corsi danze popolari di Torino.


Torna ai contenuti | Torna al menu